bandiere codice internazionale nautico

Codice nautico internazionale: i significati delle bandiere

La bandiera è prima di tutto un simbolo, nel caso delle bandiere nazionali un simbolo di appartenenza, di storia, di origini. 

Quelle nazionali, però, non esauriscono la funzione delle bandiere in quanto tali che, in altri ambiti e contesti, assumono veri e propri significati, prima ancora che valori simbolici, mostrandosi quindi come strumenti di comunicazione a tutti gli effetti.

In molti casi, infatti, la vera funzione primaria di una bandiera è quella di segnalare, di trasmettere un messaggio, perché attraverso l’uso delle bandiere è possibile creare modalità di comunicazione universali che abbattono le barriere linguistiche tra paesi e persone.

Un esempio tra i più importanti e antichi dell’uso delle bandiere come strumento di comunicazione è senza dubbio il Codice Internazionale Nautico. 

Pubblicato per la prima volta nel lontano 1855 dal British Board of Trade e revisionato numerose volte nel corso del tempo, tra cui la più importante revisione nel 1932, il Codice Internazionale Nautico è un sistema di codifica che, attraverso l’utilizzo di specifiche bandiere, permette segnalazioni e comunicazioni tra navi o tra navi e strutture di terra. 

Il Codice Internazionale Nautico è di estrema importanza nel mondo della navigazione perché grazie a regole ben precise per l’utilizzo delle bandiere che lo compongono, consente una comunicazione semplice, immediata, ma al contempo esaustiva nei messaggi che possono essere veicolati. 

Grazie ad un codice nautico diffuso a livello internazionale si abbatte l’ostacolo della comprensione della lingua, attraverso un “alfabeto” comune e comprensibile a tutti.

Quali sono le bandiere nautiche del Codice Internazionale?

Il Codice Internazionale Nautico si pone come un vero e proprio alfabeto del mondo nautico, un linguaggio che, come tutti gli altri, ha i suoi simboli (in questo caso le bandiere), ognuno dei quali con il proprio significato, ha le sue regole e ha la sua “punteggiatura”.

Secondo il Codice Internazionale Nautico, infatti, ogni bandiera può simboleggiare una lettera, un numero o può racchiudere il significato di interi messaggi standard. Oltre ad essere utilizzate singolarmente, le bandiere nautiche vengono spesso utilizzate insieme, proprio come si fa con le lettere dell’alfabeto, creando così un universo di possibilità per quanto riguarda i messaggi da veicolare.

Le bandiere del Codice Internazionale Nautico sono in tutto 40 e possono essere così suddivise: 

  • 26 Bandiere che singolarmente indicano le lettere dell’Alfabeto fonetico NATO. Ogni singola bandiera può indicare la lettera che rappresenta o determinate segnalazioni ad essa associate.
  • 10 Bandiere numeriche che singolarmente indicano ognuna una cifra (da 0 a 9).
  • 1 Bandiera Intelligenza: una particolare bandiera che ha la speciale funzione di fare da “punteggiatura”, in casi di segnalazioni complesse. Questa speciale bandiera infatti può essere utilizzata per separare parte intera e decimale di un numero, in una comunicazione in cui vengono create informazioni contenenti cifre, ma viene anche utilizzata, anteposta al messaggio, per confermare la ricezione di una segnalazione e per indicare che si sta rispondendo a quella comunicazione. Infine, se utilizzata dal trasmittente indica la fine del messaggio.
  • 3 bandiere ripetitrici che vengono utilizzate associate ad altre bandiere e permettono di replicare una specifica lettera del messaggio (identificata dal numero d’ordine della bandiera ripetitrice utilizzata, es. 1^ Bandiera Ripetitrice = Ripetizione della prima lettera)

Delle prime 26 bandiere nautiche forse qualcuna potrà risultare più familiare rispetto ad altre, come ad esempio la A – Alpha che viene utilizzata con frequenza e che indica la presenza di un sommozzatore in mare, oppure la U – Uniform che indica genericamente un pericolo nel luogo verso cui si sta dirigendo la nave.

Altre bandiere nautiche invece cambiano il significato del loro messaggio, a seconda di dove e da chi vengono issate. È il caso della L -Lima, vista ultimamente anche in alcuni notiziari, che quando issata in porto indica che la nave è sotto quarantena, mentre quando esposta in mare indica un segnale di “alt” che invita a fermare la nave. 

Codice Internazionale Nautico: come utilizzare le bandiere

Quando issate, le bandiere nautiche devono essere lette dalla prima in alto, scorrendo verso il basso, decifrando il significato delle singole bandiere, tenendo conto delle variazioni apportate da eventuali bandiere ripetitrici e interpretando così il messaggio completo della segnalazione. 

Tuttavia esistono diversi metodi d’uso delle bandiere nautiche che possono essere così riassunti: 

  • Ogni bandiera indica un singolo carattere, formando così messaggi di senso compiuto attraverso la lettura dell’insieme dei caratteri. Questo metodo è però poco utilizzato, perché implica l’utilizzo di molte bandiere anche per brevi segnalazioni.
  • Ogni bandiera ha un significato specifico e viene utilizzata per veicolare il messaggio ad essa associato. In questi casi, le bandiere possono essere utilizzate singolarmente o associate ad altre bandiere per elaborare nuove segnalazioni. Si possono ad esempio associare due bandiere di segnalazione per comunicazioni più complesse oppure si può associare una bandiera di segnalazione ad una bandiera numerica nei casi in cui sia necessario comprendere anche un valore numerico nella propria comunicazione.
  • Le bandiere possono poi essere usate anche per creare un messaggio in codice, come per esempio il codice numerico Popham, usato anche nella famosa Battaglia di Trafalgar.
  • Infine, un uso particolare delle bandiere nautiche è relativo al mondo delle gare di vela, durante le quali non viene stravolto l’intero codice, ma viene variato il significato di alcune bandiere, per esempio per indicare la “partenza imminente” o la “corsia abbreviata”.

Oltre a questi metodi di utilizzo delle bandiere nautiche, va precisato che anche la NATO utilizza le stesse bandiere, tuttavia il Codice militare NATO differisce dal Codice Internazionale Nautico nella codifica delle bandiere dei loro significati. Di conseguenza, molto spesso le navi da guerra NATO utilizzano la bandiera Intelligenza, anteponendola al messaggio, per indicare l’utilizzo del Codice Internazionale Nautico.

Di seguito sono riportate tutte le bandiere che compongono il Codice Internazionale Nautico, con indicati anche i messaggi associati ad ognuna di esse.